uova_fipronil_rischio Italia foto evidenza

Uova contaminate, è allarme in Italia: individuati due campioni positivi

Continua a destare grande ansia in Italia il caso delle uova contaminate dal Fipronil, l’insetticida moderatamente tossico e vietato sugli animali destinati al consumo alimentare. I Nas hanno infatti riscontrato casi di positività al Fipronil in due campioni, uno ad Ancona e l’altro a Roma, e solo pochi giorni fa ne erano stati rilevati altri nel Lazio ed in Campania. Dopo l’emergenza il Ministero della Salute ha avviato dei controlli a tappeto su uova, carni, prodotti finiti e semilavorati e purtroppo sono emersi questi due casi di positività, che fanno ulteriormente innalzare il livello di allerta. Ovviamente è stata bloccata ogni commercializzazione e sono partite le indagini per individuare la provenienza delle uova.

Uova contaminate ad Ancona ed a Roma

uova-contaminate-fipronil-sequestri-in-italia foto testoLe uova contaminate ad Ancona appartengono ad un allevamento nella provincia. Al momento i Nas scartano l’idea che si tratti di uova di importazione, quindi stanno analizzando le cause che potenzialmente possono averle contaminate. Probabilmente le galline hanno ingerito il Fipronil per via orale o a causa di qualche trattamento che conteneva questo insetticida, all’insaputa dei proprietari dell’allevamento. Le indagini sono ancora in corso e gli inquirenti vogliono vederci chiaro prima di esprimere un giudizio definitivo, anche perché in ballo c’è la salute nazionale. Questo stabilimento è stato bloccato e non potrà vendere uova, in attesa che gli indicatori di contaminazione ambientale tornino negativi.

Un altro caso di uova contaminate è stato registrato come detto anche a Roma, in un piccolo laboratorio di pasta all’uovo. Attualmente sotto la lente di ingrandimento degli inquirenti sono finiti i materiali destinati alla produzione della pasta, in modo da risalire alla fonte ed individuare le cause della contaminazione. Sono stati ritirati tutti i prodotti del pastificio, in attesa di ulteriori sviluppi che possano far luce su questa vicenda.

Omelette sequestrate a Milano

I recenti casi delle uova contaminate ad Ancona e a Roma non sono certo sporadici, poiché recentemente sono state sequestrate anche delle omelette surgelate a Milano. In seguito ai controlli infatti è emerso che le omelette erano state prodotte con uova contaminate dal Fipronil, di conseguenza sono state immediatamente ritirate dal mercato. Il Ministero della Salute comunica comunque che la situazione è sotto controllo e non c’è bisogno di creare allarmismi. Non la pensano così le associazioni a tutela dei consumatori, che chiedono a gran voce di comunicare i nomi delle aziende coinvolte e dei loro rispettivi prodotti. Alla luce di quest’ennesima emergenza sorge una domanda: quante volte abbiamo mangiato cibo contaminato?

Share this post