purè patate vegano

Ricetta purè di patate vegano: il massimo del gusto senza latte e derivati

Il purè è il contorno quasi sempre preferito dai bambini, ma anche un inseparabile accompagnamento di deliziosi piatti a base di pesce e carne. Morbido, cremoso e saporito, il purè è una pietanza di facile preparazione in quanto l’elemento principale è la patata, un ingrediente davvero sempre presente in cucina. Le patate infatti ci sono tutto l’anno e quindi il purè diventa un alimento adatto ad ogni stagione: caldo e corroborante d’inverno abbinato a piatti di carne, vivace e stuzzicante servito a temperatura ambiente d’estate quando accompagna verdure fresche e frutti di mare. Il modo migliore per servirlo poi è con le polpette e il sugo. Oggi però il focus è sulla ricetta purè di patate vegano, quindi senza latte e derivati della carne.

La tradizione del purè prevederebbe l’utilizzo del latte per allungarlo, burro per mantecarlo al meglio o brodo di carne per dare sapore. Oggi però sempre più spesso allergie, intolleranze alimentari e scelte di vita vegan contrarie allo sfruttamento degli animali ci portano a ridurre o ad eliminare del tutto i derivati del latte e molto spesso anche la carne. Ma niente paura, è comunque possibile preparare un buonissimo purè di patate vegan senza rimpiangere assolutamente quello tradizionale. Vediamo come.

 

Ingredienti purè di patate vegano

1 chilo di patate

250 ml di brodo vegetale (cipolla, carota e sedano)

Aglio (facoltativo)

150 ml di olio d’oliva

Sale e pepe q.b.

Noce moscata

Olio extravergine di oliva

Spezie aromatiche a scelta come timo, rosmarino, curcuma, aneto, alloro ed erba cipollina

 

Preparazione purè di patate vegano

• Inizia preparando il brodo di verdure. Se hai poco tempo puoi acquistarlo già pronto oppure realizzarlo mettendo in una pentola una patata sbucciata, cipolla, carota e sedano. Attenzione con il sedano se hai ospiti perché è un ingrediente molto allergizzante. Aggiungi anche una foglia di alloro e un goccio di di olio extravergine di oliva. Fai rosolare il tutto per quale minuto.

• Colloca nella pentola un litro e mezzo d’acqua, fai bollire, aggiungi sale, timo, aglio e curcuma che dà al brodo un colore più dorato. Dopo 30 minuti filtra il brodo.

• In un’altra pentola metti a lessare le patate, ben lavate ma con la buccia. Appena pronte, lasciale scolare e raffreddare, togli la buccia e adagiale in una ciotola. Puoi schiacciarle con lo schiacciapatate, con una forchetta oppure con un frullatore aggiungendo mezzo bicchiere di brodo.

• A questo punto versa il composto in una pentola con olio extravergine di oliva e un mestolino di brodo mescolando dolcemente. Aggiungi brodo fino ad ottenere la consistenza desiderata. Spolvera quindi la noce moscata e prima di servirlo in tavola decora il purè di patate vegano con erba cipollina tritata oppure aneto.

 

Purè di patate vegano: un contorno o un piatto unico?

Non bisogna pensare che si tratti solo di un contorno: il purè infatti può anche essere consumato come piatto unico che risulta molto nutriente nonostante i suoi pochi ingredienti.

La patata è davvero un alimento sano e ricco di vitamine, in particolare le vitamina C, ma anche di sali minerali come il magnesio e il fosforo e altri nutrienti utili al nostro benessere. La forte presenza nelle patate di carboidrati e amidi è spesso bersaglio di critiche da parte dei dietologi, ma come sempre l’importante é non esagerare!

Share this post